ROTONDA – CITTANOVA: TABELLINO E INTERVISTE

ROTONDA (3-5-2): Polizzi; Giordano, De Santis, Tourè (31’st Sanzone); Saverino, Camacho, Boscaglia, Fricano (42’st Formicola), Valenti; Diop (16’st Goretta), Ferreira (31’st Petricciuolo). In panchina: Siani, Ventola, Guida, Santamaria, Tuninetti. All.: Boncore.

CITTANOVA (3-4-2-1): Latella; Miceli, Corso, Petrucci (32’st Ndreu); Barilaro, Cosenza, Lo Nigro, Losasso (42’st Arusa); Crucitti (18’st Viola; 42’st Meola), Silenzi; Dorato. In panchina: La Cagnina, Rizzo, Isabella, Fuschi, Fiumara). All.: Infantino.

ARBITRO: Luca Capriuolo di Bari (Fedele di Lecce e Colaianni di Bari).

MARCATORI: 25’st Corso (C); 27’st Ferreira (R), 30’st Goretta (R).

NOTE: Porte chiuse. Al 20’pt Silenzi (C) si fa parare un calcio di rigore. Ammoniti: Polizzi, Diop, De Santis (R); Barilaro (C). Angoli: 4-7. Recupero: 1’pt; 4’st.

SALA STAMPA

Al termine del match del “Di Sanzo” l’analisi del tecnico giallorosso Pietro Infantino in sala stampa.

Il Rotonda ha meritato perché ha fatto un gol più di noi, ma penso che il Cittanova abbia dimostrato di avere valori e qualità importanti per questa categoria. Conoscevamo le difficoltà che questo ritorno in campo poteva comportare e sapevamo che il nostro avversario oggi avrebbe fatto un certo tipo di partita. Con l’ingresso di Goretta sono emersi i nostri problemi nella retroguardia. Peccato. Abbiamo sbagliato un rigore nel primo tempo, poi siamo stati bravi a passare in vantaggio. Purtroppo, quando i lucani hanno alzato il baricentro noi abbiamo sofferto qualcosa di troppo”.

Oggi abbiamo commesso alcuni errori e li abbiamo pagati. Proseguiamo il nostro percorso e nei prossimi giorni proveremo a recuperare i due centrali difensivi Fiumara e Scuderi. Ripeto, al di là della sconfitta, oggi abbiamo dimostrato di essere una squadra importante. Il Rotonda non è quello rispecchiato dalla classifica. Abbiamo affrontato una realtà con un nuovo allenatore e tanti calciatori inseriti nelle ultime settimane. Andiamo avanti e continuiamo a migliorare il nostro progetto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.